adozione salute famiglie pediatri
I bambini che arrivano in famiglia per adozione possono essere portatori di particolarità psico-fisiche parzialmente insolite rispetto all’usuale campione con cui i pediatri generalmente hanno a che fare. Questo libro si rivolge quindi ai genitori adottivi (attuali e futuri) con lo scopo di aiutarli a comprendere cosa si intenda con rischio sanitario in adozione e ad affrontare eventuali esigenze mediche, ma anche ai pediatri, in modo che possano supportare le famiglie adottive con maggiore consapevolezza. Da una parte si descrivono le complessità socio-sanitarie che l’adozione implica: esperienze traumatiche infantili, incuria, istituzionalizzazione, costruzione dei legami di attaccamento, mancanza di un’anamnesi familiare, scarsa storia medica pregressa, varietà etnica, situazioni vaccinali incomplete e/o non affidabili, età presunte etc.; dall’altra si affrontano, da un punto di vista più tecnico, le patologie più significative in questo ambito (malattie infettive, sindrome feto-alcolica, labio-palatoschisi, pubertà precoce, disturbi specifici dell’apprendimento, deficit di attenzione e iperattività, patologie cardiache). Un libro importante soprattutto in questo momento storico in cui chi adotta si trova sempre più spesso a dover affrontare situazioni con bambini cosiddetti "special needs", ovvero portatori di bisogni speciali, per cui è importante essere adeguatamente informati e ricevere un supporto competente da figure specialistiche anche in ambito medico. Testo a cura di: - Piero Valentini, direttore dell’U.O. C. di Pediatria del Policlinico “A. Gemelli” di Roma, Responsabile dell’ambulatorio di Etnopediatria, docente presso l’Università Cattolica, autore di numerose pubblicazioni scientifiche. - Fabio Antonelli, padre adottivo per duplice adozione internazionale; responsabile della Sezione di Roma dell’associazione Genitori si diventa OdV di cui è volontario da circa 15 anni.
Editore: 
Edizioni ETS, Pisa
Anno: 
2020
Autore libro: 
A cura di Fabio Antonelli e Piero Valentini

Condividi