Autore: 
Anna Guerrieri

Presto sarà di nuovo il 20 Novembre, giornata internazionale per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza. Si celebra, naturalmente, la data in cui la Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia venne approvata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, il 20 novembre 1989. In quell'occasione, in ogni paese, si farà di nuovo il focus su tutti i temi fondamentali riguardanti il benessere dei bambini e dei ragazzi nella società.

Con questo pensiero nel cuore, come famiglie che adottano, abbiamo il dovere di dire che in questo istante si sta vivendo un momento veramente complesso, di grande confusione e sovente di smarrimento. Nel parlare ci sentiamo forti di una consapevolezza importante. Noi, infatti, sappiamo per vita vissuta che i bambini e le bambine hanno il diritto ad avere una famiglia in cui crescere, una famiglia capace di guardare con affetto ai loro bisogni e di crescerli rispondendo alle loro necessità e che è dovere degli stati intervenire quando ai bambini questo diritto viene negato, quando subiscono maltrattamenti e abusi. Quando i bambini e le bambine sono in stato di abbandono, quando non ci sono più margini per il recupero dei legami originari, la famiglia adottiva diventa lo strumento vivo attraverso cui si riconosce ai piccoli il loro diritto fondamentale.

La famiglia adottiva, dunque, è una famiglia che svolge un ruolo sociale e tale ruolo gli va riconosciuto in pieno. E' famiglia a tutti gli effetti, ma certamente anche famiglia con una storia speciale e preziosa. Le famiglie adottive italiane adempiono a questo compito con generosità e disponibilità. Sono tante le coppie che si rendono disponibili all'adozione. Le coppie Italiane adottano bambini che in media hanno dai 6 anni in su, fratrie, bambini e bambine con grandi necessità di recupero psico-fisico, bambini sovente con ritardi e disabilità su cui è necessario intervenire a lungo nel tempo.

Quindi di queste famiglie non ci si può dimenticare, non le si può né si deve archiviare (talvolta dando il pat pat e la medaglietta degli eroi, talvolta mormorando che in fondo si tratta di gente a "caccia di bambini per sé").

 

Servono fondi per sostenere le famiglie, fondi ad esempio per le adozioni internazionali, fondi che non vanno dimenticati se si pensa ai costi che le famiglie affrontano per adottare e ai costi che le famiglie affrontano "dopo" aver adottato nel percorso di recupero psico-fisico dei figli.

Serve un'Autorità Centrale forte, una Commissione Adozioni Internazionali forte, che possa continuare la sua attività di relazioni estere, di monitoraggio e controllo interno, essenziale se crediamo nel concetto di adozione internazionale, come risorsa estrema ma fondamentale di aiuto ai minori.

Tutti gli studi dicono che i bambini in stato di abbandono che vengono adottati hanno per davvero una chance di una vita sociale piena. Gli stessi studi, quando vanno a guardare chi resta negli istituti di tutto il mondo, segnalano invece con chiarezza la drammaticità delle aspettative di vita di chi non trova una famiglia.

Se crediamo nei bambini e nelle bambine, se pensiamo davvero che siano il "futuro" del mondo, abbiamo il dovere come adulti (e parlo direttamente a chi governa, a chi legifera) di sostenere le famiglie dei bambini, non "tagliando" fondi essenziali, bensì investendo economicamente e strategicamente a favore delle famiglie stesse. Investire oggi, in questo caso, significa risparmiare domani in termini di costi sociali, e significa spesso anche risparmiare oggi, perché chi adotta si prende carico, fa diventare figlio e figlia, chi invece è a carico dello stato. Servono fondi anche per riflessione strategica su come affrontare le fasi prima dell'adozione e dopo l'adozione, per non stracciare quella rete di servizi essenziale alle famiglie che affrontano particolari difficoltà. E le famiglie adottive Italiane di difficoltà ne affrontano eccome, se vogliamo smettere di omettere di parlare degli "special needs" dei loro figli.

 

Quindi, questa devastante politica di tagli in cui tutti siamo stati intrappolati in questi anni, deve trovare un suo limite e lo deve trovare nei piccoli, nei bambini che hanno bisogno di essere adottati, come in tutti i bambini che hanno bisogno di adulti che non li tradiscano.

Data di pubblicazione: 
Sabato, Novembre 23, 2013

Condividi questo articolo