Autore: 
Sara Leo

L’attesa è una delle tappe del percorso adottivo che tutte le famiglie vivono, chi più, chi meno. Il tempo dell’attesa è quello in cui i futuri genitori creano lo spazio mentale dove accogliere il proprio figlio ancora prima dell’incontro. E se oltre ad una mamma e ad un papà, sta per nascere una sorella?

“Il momento tanto atteso”

Il libro di Monya Ferritti racconta la storia di Sara che aspetta l’arrivo di una sorellina. Fa tante domande ai suoi genitori e pensa spesso a come sarà e a quando arriverà. Sa solo che arriverà da lontano, dal Burkina Faso. La bambina vive la sua lunga attesa, quella dell’abbinamento e quella del viaggio che la porterà a conoscere suo fratello, Yuma che vede la prima volta in una fotografia e che le piace, anche se non è la sorellina che desiderava.

Dal 2011 questo è l’unico libro per bambini che parla di fratelli – spiega Monya Ferritti, fondatrice dell’Associazione Genitori Che e Presidente del CARE (Coordinamento delle Associazioni familiari Adottive e Affidatarie in Rete) – E’ molto utile sia per significare l’attesa ai bambini, che nell’adozione non è fatta di simboli come il pancione o la carrozzina e dove il tempo è incerto e dilatato, sia per spiegare il processo adottivo ai pari”.

Quando la piccola Sara chiede alla mamma quando arriva la sorellina prova sempre emozioni diverse.

… a volte è corrucciata, a volte agitata, a volte indifferente, spesso entusiasta…Insomma, non lo sa neppure lei come sta.

Fino a quando non arriva il momento tanto atteso e la piccola Sara riceve la notizia: finalmente potrà essere “incoronata” sorella maggiore. Suo fratello si chiama Yuma e ha 3 anni; le viene mostrato in una foto, bello e sorridente. Le piace.

Le immagini di Giulia Donati valorizzano in modo molto rispettoso e positivo la figura del bambino: Yuma gioca, sorride ed è con altri bambini – racconta l’autrice – La storia prosegue parlando dell’attesa, della preparazione del viaggio e si conclude prima dell’incontro, perché il libro non vuole focalizzarsi sulla storia personale del bambino, quella la racconterà lui, se e quando lo vorrà”.

É il libro ideale per spiegare cosa è l’adozione; è quello giusto per le famiglie che hanno figli e che ne stanno adottando uno e comunque per tutti, per guardare l’adozione con gli occhi del bambino. Uno sguardo semplice attraverso il quale raccontare una storia che per essere meglio compresa ha bisogno di essere simbolizzata. E così Sara immagina l’Africa dove vive suo fratello e la immagina attraverso i racconti della sua amica Therese, anche lei Burkinabè.

I protagonisti di questo viaggio

In questa storia oltre alla bambina ci sono i suoi genitori, i nonni, la maestra e i compagni di classe. Ognuno di questi personaggi è un po’ protagonista. Ci sono mamma e papà che accompagnano Sara nel tempo dell’attesa, aiutandola nei momenti di maggiore ansia e impazienza. Poi, si parla dei nonni che rappresentano la famiglia allargata, ai quali viene mostrata la fotografia di Yuma, suscitando grandi emozioni e momenti di tenerezza. Fondamentale anche la figura della maestra sulla quale Monya Ferritti dice: “C’è molta collaborazione tra insegnante e scuola, c’è rispetto dei reciproci ruoli. Questo libro può essere utile se dato agli insegnanti della futura classe dove sarà accolto il bambino e utilizzato da loro per spiegare ai futuri compagni cosa sta accadendo e chi arriverà, senza parlare del bambino o della bambina, ma descrivendo l’adozione”.

<<Maestra, tra dieci giorni parto, vado a prendere mio fratello>>.

La maestra l'abbraccia felicissima: <<Sara!!! Ma che bellissima notizia, finalmente! Sono davvero contenta>>.

All'uscita di scuola, Sara porta con sè una risma di fogli rilegati, con i disegni fatti dai suoi compagni, dedicati a lei e suo fratello.

“Il momento tanto atteso”, pubblicato da Giunti Editore, è consigliato per i bambini dai 6 anni in su. Le immagini e i colori vivaci ne facilitano la comprensione, rendendo questo viaggio un’avventura unica ed emozionante per tutti i lettori, grandi e piccini.

Data di pubblicazione: 
Lunedì, Maggio 21, 2018

Condividi questo articolo

Articoli sull'argomento

Diletta La Torre, Psichiatra, Psicoanalista Ordinario SPI-IPA, Didatta IIPG
Francesca Boracchi, Psicologa Psicoterapeuta
Antonella Avanzini